01 Lush Charity Pot Events LUSH AL FIANCO DI SEA SHEPHERD PER PROTEGGERE L’ECOSISTEMA MARINO E FERMARE LA PESCA ILLEGALE NELLE ACQUE ITALIANE

CharityPot
01
Lush Charity Pot Events
LUSH AL FIANCO DI SEA SHEPHERD PER
PROTEGGERE L’ECOSISTEMA MARINO E FERMARE
LA PESCA ILLEGALE NELLE ACQUE ITALIANE
Sabato 13 e domenica 14 luglio i negozi Lush d’Italia uniranno le forze per la tutela del Mediterraneo e
devolveranno i proventi raccolti grazie alla vendita della crema Charity Pot a favore di Sea Shepherd, per
supportare concretamente Operazione Siso e fermare l’uso delle reti spadare e la pesca non regolamentata
nell’arcipelago eoliano
Luglio 2019 – Lush, brand etico di cosmetici freschi e fatti a mano, rinnova la collaborazione con Sea Shepherd,
e organizza un weekend di solidarietà al fianco dell’associazione per salvaguardare la delicata biodiversità
degli ecosistemi oceanici e assicurarne la sopravvivenza.
Grazie alla Flotta di Nettuno, composta da 12 navi con a bordo equipaggi di volontari internazionali, Sea
Shepherd pratica azione diretta e si batte attivamente in tutto il mondo per fermare la distruzione dell’habitat
naturale e il massacro delle specie selvatiche che popolano gli oceani. Dopo 4 anni Sea Shepherd torna nel
Mediterraneo con una nuova operazione per fermare lo sterminio delle specie ittiche, in particolare la
pesca illegale nelle Isole Eolie.
Sabato 13 e domenica 14 luglio, i volontari dell’associazione incontreranno il pubblico presso tutti
i negozi Lush d’Italia e avranno l’occasione di illustrare la situazione dell’area mediterranea e i dettagli di
Operazione Siso. L’attività si focalizza nell’arcipelago eoliano contro l’uso delle reti ‘spadare’, un tipo di
rete pelagica derivante, che nonostante la messa al bando in tutto il mondo nel 2003, viene ancora usata
illegalmente nelle acque italiane per la pesca del pesce spada. Le spadare, negli anni, hanno ucciso un
numero impressionante di capodogli, tartarughe, tonni, pesci spada, squali e mammiferi marini, a causa delle
dimensioni delle maglie, comprese tra i 20 e 50 centimetri.
Andrea Morello, Campaign Leader di Sea Shepherd dichiara: “Secondo l’ONU, il Mar Mediterraneo è il più
sovrasfruttato del mondo con il 62% degli stock ittici ormai al collasso. La pesca industriale ed i suoi numeri,
compreso il bycatch*, lo stanno definitivamente impoverendo con un serio rischio di esaurimento delle specie
marine che metterebbe a rischio l’intera specie umana direttamente dipendente dalla biodiversità presente nei
sette decimi del nostro pianeta Blu. È quindi naturale per Sea Shepherd difendere il nostro futuro difendendo
il Mare…”
Il progetto prende il nome dal capodoglio Siso, il giovane maschio di 10 mt ritrovato nell’estate del 2017
mortalmente impigliato con la pinna caudale in una rete illegale proprio al largo delle Isole Eolie. Deceduto
dopo una lunga agonia, il capodoglio Siso è diventato simbolo della difesa del mare in Italia: il suo scheletro, la
rete che lo ha ucciso e la plastica che aveva ingerito sono oggi esposti al Museo del Mare di Milazzo, monito
dell’emergenza che minaccia le nostre acque e le creature marine.
Sabato 13 e domenica 14 luglio i negozi Lush d’Italia supporteranno concretamente Sea Shepherd e
devolveranno all’associazione tutti i proventi (meno l’IVA) delle vendite della crema Charity Pot del fine
settimana per sostenere Operazione Siso. Lush, da sempre impegnata in difesa dell’ambiente, rinnova cosiì
la collaborazione con l’associazione iniziata nel 2015, quando Sea Shepherd aveva condotto Operazione
Siracusa, la prima ad interessare l’area del Mediterraneo.
Grazie alle vendite della crema per mani e corpo Charity Pot, nel 2018 sono state sostenute in Italia oltre 100
piccole associazioni e gruppi di attivisti impegnati per la difesa dei diritti umani, dell’ambiente e degli animali,
per un totale di oltre 450.000€.
*Bycatch: Costituito da tutti gli organismi catturati involontariamente insieme alla specie ricercata durante l’attività di pesca (professionale o sportiva).
#CharityPot
02
Lush Charity Pot Events
CHARITY POT
Charity Pot è la crema Lush per mani e corpo che propone un modo nuovo di sostenere le associazioni senza fini di lucro. I proventi
delle vendite della Charity Pot, ad esclusione dell’IVA che va allo Stato, vengono devoluti a piccoli gruppi e associazioni attentamente
selezionati che lottano per la difesa degli animali, dell’ambiente e dei diritti umani e che sono molto vicini all’etica del brand inglese,
condivisa e sostenuta dai clienti.
Charity Pot offre alle persone la possibilità di dare il proprio contributo a buone cause, godendosi nel frattempo una crema solidale e di
altissima qualità, autoconservante, e con un delizioso profumo fresco e fiorito. Tra i pregiati ingredienti che compongono la Charity Pot,
ben 7 provengono da progetti di permacultura e agricoltura sostenibile ed equosolidale nel mondo. Nella Charity Pot ci sono il burro di
cacao della Peace Community in Colombia; l’olio di moringa oleifera, il burro di karité e l’olio essenziale di ylang ylang dal Ghana; l’aloe
fresca e l’olio essenziale di geranio dal Kenya e l’olio essenziale di Palissandro dal Perù – oltre ad altri ingredienti del mercato equo, come
l’olio d’oliva della Palestina e l’essenza assoluta di vaniglia.
Charity Pot è venduta in Italia dal 2007 e, grazie al coinvolgimento dei clienti, ha sostenuto numerosi progetti sia a livello nazionale che
locale, finanziando enti benefici, piccoli gruppi e organizzazioni di base, indipendenti e non violenti, che spesso sfidano le opinioni più
diffuse e combattono per cause trascurate dai grandi finanziatori, e lavorano senza sosta per realizzare dei cambiamenti e rendere il
mondo un luogo migliore.
SEA SHEPHERD
Costituita nel 1977, Sea Shepherd Conservation Society è un’organizzazione internazionale con la missione di fermare la distruzione
dell’habitat naturale e il massacro delle specie selvatiche negli oceani del mondo.
Nel 2010, è nata ufficialmente l’organizzazione Sea Shepherd Italia Onlus, dopo l’approdo della nave ammiraglia di Sea Shepherd
Conservation Society SS Steve Irwin a La Spezia.
Sea Shepherd ha promosso numerose campagne tra cui quella in Canada contro il massacro delle foche, quelle nelle isole Faroe,
protettorato danese, contro la mattanza di globicefali e in Mediterraneo contro la pesca illegale al tonno rosso. Sea Shepherd collabora
ufficialmente con le forze di polizia delle Isole Galapagos e porta avanti anche Campagne a terra, come quella contro la strage di delfini
a Taiji (Giappone) e di otarie in Namibia e negli Stati Uniti. La Campagna principale e più impegnativa si svolge ogni anno, da oltre
un decennio, in Oceano Antartico contro la caccia commerciale alle balene, mascherata da ricerca scientifica, praticata dalla flotta
giapponese.
www.seashepherd.it
Per maggiori informazioni
contatto@seashepherd.it
LUSH
Nata nel 1995 in Inghilterra, Lush si contraddistingue per etica e innovazione. Lush crea, produce e commercializza cosmetici freschi e
fatti a mano, come bombe da bagno, lavadenti e confetti di shampoo solido. Lush si oppone fortemente a qualunque tipo di test sugli
animali e supporta commercio equosolidale e comunità in tutto il mondo. Nel 2010 dà il via al pionieristico progetto Sustainable Lush
Fund a supporto delle comunità che producono gli ingredienti dei prodotti Lush; questo progetto evolve nel 2018 nel progetto Re:Fund,
un fondo di £1,5 milioni all’anno (circa €1,75 milioni) per sostenere a livello mondiale la rigenerazione nelle aree colpite da calamità e
spostamenti di popolazioni, per la permacultura e l’agroecologia, e per la rinaturalizzazione e la biodiversità. Nel 2012, a testimonianza
dell’impegno e della dura lotta contro la sperimentazione animale, Lush lancia il Lush Prize in collaborazione con Ethical Consumer: un
fondo di £250.000 volto a premiare chiunque riesca a dare un contributo signi cativo a trovare alternative e porre ne ai test sugli animali.
Nel 2017 lancia il Lush Spring Prize, sempre in collaborazione con Ethical Consumer: un fondo di £200.000 volto a premiare progetti di
rigenerazione sociale ed ambientale. Lush è un’azienda attiva nella promozione di campagne nei suoi 931 negozi, in 49 paesi, a supporto
di piccoli gruppi o organizzazioni a difesa dei diritti animali, umani e a protezione dell’ambiente. L’obiettivo è dare una voce a coloro che
si battono per essere ascoltati. Il 2018 segna l’anno del 20° anniversario del brand in Italia dove ad oggi conta 31 negozi, e un sito per
la vendita online. Il negozio di via Torino, 42 a Milano dal 1 giugno 2018 diventa il primo Lush Naked Shop al mondo, a testimonianza
dell’impegno del brand di ridurre sempre più il proprio impatto ambientale e fornire alternative efficaci e prive di packaging. Nel 2019
il brand celebra la nascita del suo prodotto simbolo: la bomba da bagno. Per festeggiare i 30 anni della bomba da bagno presenta 54
it.lush.com Per maggiori informazioni:
Ufficio stampa Lush Italia
Maria Bruschi | maria@lush.it | +39 348 6620554
Elena Strano | elena@lush.it | +39 335 1305951