Capri-Napoli: festa internazionale al Circolo Canottieri nella seconda prova open

 

COMUNICATO STAMPA
Capri-Napoli: festa internazionale al Circolo Canottieri nella seconda prova open
Tra gli uomini vince il turco Erdogan, tra le donne la brasiliana Morelli
Nella prova a staffetta la Kroton Nuoto precede la Sapri-Maratea
Festa internazionale al Circolo Canottieri Napoli in occasione della seconda prova open della Capri-Napoli, la maratona natatoria da 36 chilometri organizzata ogni anno dalla società Eventualmente eventi & comunicazione di Luciano Cotena. Una festa aperta dalla vittoria del turco Emre Erdogan, che ha completato la traversata che dal lido Le Ondine Beach Club di Gemma Rocchi l’ha portato fino al Molosiglio con un tempo poco superiore alle otto ore (8.01.40), nonostante condizioni del mare non proprio favorevoli: “Per me è stata la seconda esperienza – le sue prime parole – ma è la prima volta che concludo la prova, essendomi dovuto ritirare nella prima circostanza a causa di problemi fisici. È stata durissima, perché dopo una quindicina di chilometri mi sono trovato a nuotare contro vento e con onde abbastanza alte. Mi ero anche allenato a fronteggiare un mare non proprio sereno, ma l’avevo fatto per pochi chilometri: non pensavo che qui queste condizioni mi avrebbero accompagnato per così tanto tempo”.
Erdogan (che non è parente dell’omonimo presidente del suo Paese) ha preceduto l’italiano Marco Millefiori (9.35.15), l’israeliano Denis Portnoi (9.43.35) e il belga Andread Derudder (9.58.15). Meglio di loro tre ha fatto la prima donna, la brasiliana Ana Carolina Morelli, che ha completato la traversata in 8.32.10: “Ero alla mia seconda esperienza in gare in acque libere di questa lunghezza – ha spiegato – dopo una 37 km in Brasile, quella gara nuotata questi interamente sotto costa. Ero preparata alle condizioni del mare, avendo studiato con il mio coach le acque del golfo. Le prime tre ore sono state tranquille, poi sono arrivate altre tre ore di mare agitato. In quei frangenti mi sono fatta forza vedendo la terra ferma più vicina ma soprattutto osservando l’isola di Capri che appariva sempre più piccola”.
Nelle staffette l’Italia ha avuto la meglio sulle rappresentative di Argentina e Messico. A vincere il team calabrese di Kroton Nuoto (composto da Luigi D’Alfonso, Alessandro Capozza, Luca Vrenna e Fabio Milizia), che ha completato i 36 km in 7.36.50, precedendo la compagine Sapri-Maratea 24 (7.58.50) e gli argentini del team Pilar Geijo, che comprendeva la stessa Geijo, più volte protagonista della Capri-Napoli assoluta e vincitrice nel 2011 e nel 2016: “Per noi è stata la prima esperienza e siamo già convinti che ritorneremo – hanno detto i vincitori – Abbiamo adattato la tattica a seconda dei momenti: quando eravamo più tranquilli compiendo frazioni lunghe, quando era il caso di spingere con ‘stint’ ridotti”.
Venerdì 5 luglio terza ed ultima prova open per il 2024: in gara previsti 44 atleti (36 uomini e otto donne) in rappresentanza di nove nazioni, nove in gara nel Solo mentre gli altri saranno divisi in sei staffette. Annunciata tra l’altro la presenza come coach della spagnola Esther Nunez, vincitrice della Capri-Napoli nel 2012.
Napoli, 29 giugno 2024