NOTA DELL’ASSESSORE BONANNO E DEL VICE SINDACO PANINI SULLA SORTE DEI LAVORATORI DELLA COOPERATIVA 25 GIUGNO.

431 lavoratori delle cooperativa 25 giugno con le relative famiglie sono in attesa di una risposta da parte del governo in merito al proprio futuro”, dichiarano in una nota l’Assessore al Lavoro del Comune di Napoli Monica Buonanno e l’Assessore al Bilancio e Vicesindaco Enrico Panini.

“Il governo dica se il lavoro nel Mezzogiorno è un tema che ha in agenda o meno: sul programma di finanziamento lo stesso ministero ha ricevuto una sollecitazione scritta dall’Amministrazione comunale di Napoli il 18 gennaio per ricevere una risposta poco esaustiva l’11 di marzo.  Il governo dica se anche i servizi nella capitale del Mezzogiorno sono un tema in agenda o meno: i 431 lavoratori compiono mansioni indispensabili per un ente di prossimità (pulizia arenili, contrasto inquinamento ambientale, contrasto disagio minorile, cura del patrimonio, pronto intervento, pulizia aree esterne e verde degli istituti scolastici, piccola manutenzione sedi Municipalità, tutela impianti sportivi e parchi) che vede la propria pianta organica ridursi ogni giorno a causa di un mancato turnover in un periodo di assoluto esodo di professionalità e maestranze anche a causa di “quota 100”. Alle 431 famiglie si aggiunge quindi la preoccupazione di una comunità cittadina e della sua Amministrazione; ci vediamo costretti ad una mobilitazione a Roma, come forma di solidarietà e garanzia per il lavoro e per i servizi”, concludono gli Assessori Buonanno e Panini.
   GENNARO  D’ARIA