“SEGNALIFITALIA” la nuova campagna di comunicazione presentata a Palazzo San Giacomo.

A Palazzo San Giacomo presentato : “ SEGNALI DITALIA “

Nella Sala Giunta del Comune di Napoli, alla presenza dell’Assessore alla Cultura ed al Turismo , Gaetano Daniele. è stata presentata  una campagna della Città per la Città : “ SEGNALIDITALIA “.

Intervenuti, oltre all’Assessore Daniele, Claudio Bertona, progect manager della campagna, Luigi Fontanarosa, innovazione tecnologica, Sergio Liola e Achille Cento, protagonisti di storie vissute e Francesco Moneta, manager della comunicazione e moderatore.

Parte da Napoli” SEGNALIDITALIA”, la nuova campagna multi – soggetto che IGPDecaux ha progettato per  valorizzare le eccellenze diffuse nel territorio, facendo conoscere le storie dei loro protagonisti e chiedendo agli abitanti della Città partenopea di segnalare altri luoghi, persone mestieri da scoprire, possibili protagonisti di campagne ed eventi successivi, cosi ha iniziato il suo intervento, Claudio Bertona.

“ Segnaliditlia “ è la campagna multi soggetto e multi formato,a, numero uno in Italia nella comunicazione esterna, prosegue nella sua disamina, Claudio Bertona, che si pone l’obiettivo di valorizzare le qualità e le eccellenze diffuse nel territorio, dando risalto a luoghi, persone, mestieri che meritano essere conosciuti, rivalutati ed emulati e che vede prime protagoniste del progetto le Città di Parma e Napoli “.

L’Assessore Daniele, da parte dell’Amministrazione  si è detto contento di questa nuova iniziativa che tende a far conoscere quelle persone, quei luoghi e quei mestieri che purtroppo i luoghi comuni hanno fatto dimenticare e che sono le forze viventi di questa complessa ma affascinante Città.

“ Parte da Parma e da Napoli questo nuovo progetto di comunicazione, ha riferito Francesco Moneta, che IGPDecaux ha realizzato in collaborazione con i fotografi della Laica, Akademie e con il patrocinio del Comune di Napoli, una campagna multi – soggetto  e multiformato  con l’obiettivo primario di valorizzare quei luoghi , quei mestieri e quelle persone a dir poco sconosciute, ma ricche di valori morali e materiali”.

L’innovazione tecnologica è affidata a Luigi Fontanarosa che ne cura la diffusione.

Alberto Alovisi