Vasta operazione della Polizia Locale.

SEQUESTRI  EDILIZI  QUARTIERE  PIANURA 

 

 

Gli agenti di polizia giudiziaria della Unità Operativa Tutela Edilizia, nel quadro di una azione di controllo del territorio volta alla prevenzione ed alla repressione di illeciti in materia edilizia, hanno sequestrato un suolo di 4000 mq. ad originaria destinazione agricola i cui occupanti non  sono stati in grado di dimostrare nè il titolo nè la proprietà  per cui sono stati deferiti all’A.G. 

 Il suolo è ubicato in ambito urbano caratterizzato dalla presenza di edifici abitativi e plessi scolastici distanti pochi metri. 

 Allo stato, oltre che occupato da vari manufatti, l’immobile risulta sfruttato in parte come attività commerciale e per la restante parte usato come sversamento di materiali vari fra cui veicoli in disuso, una carcassa di autocarro più un grosso natante da diporto. 

 MINORENNE AFFIDATA A STRUTTURA DI ACCOGLIENZA

 

 

 

Gli agenti dell’Unità Operativa Tutela Emergenze Sociali e Minori della Polizia Municipale hanno affidato ad una struttura di accoglienza protetta una minore di soli 15 anni sorpresa a prostituirsi in zona Poggioreale.

Gli Agenti, impegnati costantemente a contrasto del fenomeno della prostituzione minorile lungo le strade cittadine, hanno ricevuto diverse segnalazioni relative alla presenza di giovanissime in strada ed hanno avviato un servizio di vigilanza dinamica.

Durante l’intervento a tarda notte gli agenti hanno fermato tre ragazze  delle quali una ha improvvisamente tentato di far perdere le sue tracce nella boscaglia vicina ma è stata bloccata dopo pochi metri.

La ragazza, pur dichiarando di avere 20 anni, è apparsa chiaramente più piccola e si sono attivate le procedure di rito per l’identificazione, attraverso i rilievi foto segnaletici.

Tale accertamento ha fatto emergere un precedente rilievo fotodattiloscopico che, nell’ottobre 2017, in occasione di uno sbarco di migranti in Sicilia, l’aveva identificata con un’età di soli 14 anni.

Si è poi appurato che la ragazza si era allontanata dalla struttura di accoglienza in cui era stata inserita nella provincia palermitana e la si è affidata ai Servizi Sociali competenti collocandola in una idonea struttura di accoglienza.

Sono  in corso le indagini per risalire ai responsabili che hanno inserito la ragazza nel mondo della prostituzione e all’individuazione di eventuali sfruttatori.