A Palazzo Reale di Napoli inaugurata la mostra di Tolkien, Uomo, Professore, Autore.

 

A Palazzo Reale di Napoli inaugurata la mostra di Tolkien, Uomo, Professore, Autore.

Di Ezio Micillo

Forse tutti lo ricordano come lo scrittore dei due volumi ‘Il Signore degli Anelli’, ma Jhon Ronald Reuelo Tolkien è il creatore della celebre epopea della Terra di Mezzo, una regione di Arda, l’universo immaginario fantasy creato dallo scrittore inglese. Un autore che con i suoi racconti ha conquistato i tantissimi lettori di tutto il mondo tanto da considerarsi tra i romanzieri più letti del pianeta.

A Palazzo Reale oggi, 16 marzo alle ore 11 il ministro Gennaro Sangiuliano ha aperto la mostra espositiva con decine di opere da visionare per comprendere il percorso umano seguito dall’autore, il suo lavoro accademico, la sua potenza narrativa e la sua forza poetica attraverso un viaggio fantastico che ripropone una sintesi creativa di un mondo antico.

Dopo lo straordinario successo espositivo di Roma, con la prresenza di oltre 80.000 persone, questa mostra viene presentata ai napoletani, e non solo, con l’ambizione di superare il successo capitolino. I manoscritti autografi, le lettere, le fotografie e opere d’arte nate dalla visione letteriaria di un autore unico e poliedrico rendono molto interessante questa esposizione, dove si può ricostruire il percorso del professore di Oxford nel suo complesso artistico ed umano e capire i legami che lo legano con il nostro territorio.

”….la mostra è la prima nel suo genere”, così il ministro Sangiuliano ha dichiarato nell’intervista, ”centinaia di manoscritti che testimoniano un itinerario letterario che non si riferisce solo ai bambini ma è rivolto ad un mondo di adulti dove i mali del nostro tempo possono avere una cura. Il suo successo è dovuto anche alla sua capacità di esprimere, nelle opere, valori importanti come amicizia, solidarietà e difesa dell’umano. Ha avuto relazioni con Benedetto Croce, che ha vissuto a Napoli, e ciò crea un particolare legame con la nostra città”.

Il curatore della mostra, Oronzo Cilli, nella presentazione dell’evento indica cosa aspettarsi dalla mostra: “….è una mostra molto interessante dove lo spettatore viaggia sui racconti dell’uomo Tolkien tra vita e lavoro accademico”.

©EzioMicilloPhoto