ADVUNITE : Facendo un punto della situazione…auguriamo buone vacanze.

 

 

Facendo un punto della situazione…auguriamo buone vacanze.
Dopo l’ennesima estate problematica per il turismo riscontriamo pareri discordanti tra gli addetti ai lavori e gli “altri” ( politici, giornalisti, etc.) .
Qual è la verità? Si tratta della terza industria nazionale eppure non ha adeguato riscontro
Nessuno considera che i prezzi sono aumentati ovunque che il petrolio nonostante sia a 85 euro al barile, come 10 anni fa, abbia portato la benzina oltre i 2 euro, qui in Italia , costringendo ovunque ad aumentare i prezzi di tutte le materie prime. Il costo della manodopera, laddove si trovi, è altissimo.
Un villaggio, mi diceva un amico, ha avuto la bolletta energetica con un aumento del 185%! Cosi come tutti gli altri costi .Quindi la grandissima occupazione delle strutture ricettive in Italia non ha generato grossi ricavi ma ha riportato presenze turistiche che potranno essere da volano per future prenotazioni ma a prezzi calmierati. Infatti le strutture alberghiere hanno aumentato i costi delle loro camere per avere un ritorno economico e non tutte hanno i servizi adeguati ai prezzi richiesti.
Le persone non usano più booking.com scavalcandolo e chiamando direttamente le strutture che offrono sempre prezzi più bassi creando quindi una situazione di guerra al ribasso dove i contratti sono carta straccia mettendo in difficoltà soprattutto gli addetti ai lavori.
Le compagnie aeree hanno creato una serie di tensioni tra gli agenti di viaggi e i clienti NON riproteggendo gli stessi ( le low cost) durante le tante cancellazioni , cancellando i voli con un minimo di preavviso abituando quindi il cliente al “si salvi chi può”, senza regole e senza interventi delle autorità. Non siamo nel far west , servono regole e certezze soprattutto se si hanno aiuti economici , sotto varie forme, dai nostri politici.
I tour operator da soli hanno iniziato a pensare alla battaglia antiabusivismo, che ben venga, ma che deve essere fatta dalle autorità che latitano sempre dando la colpa alla mancanza di uomini e mezzi. In piccolo le denunce si possono fare in maniera intelligente assumendosi i rischi delle eventuali ritorsioni, ma costringendo gli enti pubblici a fare il proprio dovere. E su questo tema stiamo pensando per esempio a un grosso evento mediatico.
Infine il clima di incertezza dovuto alla guerra in Ucraina, alle nuove tensioni in Oriente non permettono di vedere un futuro roseo per l’outgoing sicuramente e per l’incoming nell’immediato.
L’unico settore che è andato bene sono le crociere, perché è la vera industria turistica. Sono il settore trainante della terza industria italiana con un PIL altissimo, con veri ricavi e con ottime iniziative. Il problema è che sono pochissime le compagnie in attivo.
Manca però una programmazione turistica e si pensa che i risultati di questa estate possano bastare. Manca un politico di riferimento che sia vicino agli agenti di viaggi: l’attuale ministro dimissionario non è servito a molto se non a fare ottimi spot elettorali ma in Italia .
I risultati di questa stagione estiva ci inducono tutti a pensare in maniera diversa, dovendo essere questa un’estate di ripresa, ma i numeri non saranno tali soprattutto a settembre quando si vedranno tante “nuove situazioni” con pesanti ripercussioni sull’intera industria turistica sia in termine di immagine che sostanziale. Mancheranno i ristori che tanti operatori aspettavano con ansia pensando di replicare il “colpaccio” di qualche anno fa’, quando SOLO alcune persone si sono arricchite, mentre la stragrande maggioranza delle imprese turistiche NON ha avuto ciò che gli spettava, solo se le regole fossero state fatte in maniera diversa .
E allora chiudiamo il nostro appello nel dire perché NON cerchiamo di sostenere qualche candidato serio ed affidabile alle prossime elezioni pensando anche al nostro comune futuro . Non un solo candidato ma più candidati che dovranno impegnarsi in maniera chiara e pubblica per il nostro settore che spesso viene utilizzato dai politici per “promuoversi” avendo tanta visibilità ma offrendo poca sostanza a tutti
Buone vacanze