AL VIA i Lavori DEL PREMIO LEO DE BERARDINIS 2020 PER ARTISTI E COMPAGNIE UNDER 35 DELLA CAMPANIA

 

comunicato stampa

 

 

AL VIA i Lavori DEL

PREMIO LEO DE BERARDINIS 2020

PER ARTISTI E COMPAGNIE UNDER 35 DELLA CAMPANIA

 

Giovedi 26 novembre si è riunita, in modalità “remoto”, la Giuria della prima edizione del Premio Leo De Berardinis, istituito dal Teatro di Napoli-Teatro Nazionale diretto da Roberto Andò, destinato ad artisti e compagnie under 35 della Regione Campania.

I componenti la giuria: Roberto Andò, direttore del Teatro di Napoli, Viola Ardone, scrittrice, Mimmo Basso, direttore operativo del Teatro di Napoli, Maurizio Braucci, scrittore e sceneggiatore, Ippolita di Majo, sceneggiatrice e autrice, Davide Iodice, regista di teatro, hanno condiviso e approfondito le linee guida del Premio delineate nel bando.

 

Alla scadenza dello scorso 13 novembre, sono pervenute 69 domande di partecipazione al Premio. Al termine della preselezione saranno indicati i progetti ammessi alla seconda II Fase.

I partecipanti a questa Fase saranno invitati ad esporre alla Giuria, in forma diretta e performativa, brani o parti del loro progetto della durata massima di 10 minuti.

 

In ragione delle disposizioni Anti Covid attualmente in corso relativamente ai teatri, la direzione del Teatro comunicherà, quanto prima, agli artisti e alle compagnie selezionati, le date per la partecipazione alla II Fase, garantendo il rispetto di un tempo adeguato dalla data della comunicazione a quella della prova dal vivo.

Presa visione dei lavori dal vivo, la Giuria sceglierà in forma collegiale i tre progetti vincitori del Premio.

 

Il Teatro di Napoli-Teatro Nazionale finanzierà ciascun progetto vincitore con un budget massimo di euro 30.000,00 (trentamila//00), monitorando i progetti attraverso un tutoraggio produttivo.

Delle tre nuove creazioni due saranno programmate dal Teatro di Napoli e una –  selezionata secondo criteri di particolare interdisciplinarità di linguaggi – debutterà al Museo Madre di via Luigi Settembrini.

 

Informazioni su www. teatrodinapoli.it