Animal Equality e altre 17 organizzazioni per la protezione degli animali al Parlamento europeo per chiedere la fine dell’uccisione dei pulcini maschi

 

 

COMUNICATO STAMPA

Animal Equality e altre 17 organizzazioni per la protezione degli animali al Parlamento europeo per chiedere la fine dell’uccisione dei pulcini maschi

>> LINK FOTO EVENTO AL PARLAMENTO UE: https://bit.ly/3H0Fhb4 

Bruxelles, 12/01/2023 – Nella giornata di ieri, 18 organizzazioni europee per la protezione degli animali, tra cui Animal Equality, si sono unite al Parlamento europeo per chiedere una nuova legislazione che vieti la macellazione dei pulcini maschi. 

Ogni anno in Europa vengono abbattuti oltre 300 milioni di pulcini maschi perché considerati scarti di produzione dall’industria delle uova. Italia, Germania, Francia, Austria e Lussemburgo hanno già vietato questa pratica, ma è necessario che il divieto venga adottato in tutta l’Unione europea. 

La Commissione europea è chiamata a presentare nel corso del 2023 una nuova proposta legislativa sul benessere degli animali. Al fine di includere nella nuova regolamentazione un divieto di macellazione dei pulcini maschi in tutta l’UE, le principali organizzazioni europee per la protezione degli animali, tra cui Animal Equality, si sono riunite a Bruxelles in occasione di un evento al Parlamento europeo, organizzato da L214 e dall’Istituto europeo per la legge e la politica sugli animali.

L’evento è stato sostenuto da membri del Parlamento europeo come Niels Fuglsang (S&D, Danimarca), Francisco Guerreiro (Verdi/EFA, Portogallo), Sirpa Pietikäinen (PPE, Finlandia) e Michal Wiezik (Renew, Slovacchia), oltre che da esperti di benessere animale e di alternative tecnologiche alla macellazione dei pulcini. 

Tutti i partecipanti hanno sostenuto con forza che la macellazione dei pulcini maschi da parte dell’industria delle uova non sia etica e debba essere vietata. Milioni di pulcini maschi ogni anno, infatti, vengono macellati il giorno stesso della loro nascita perché non sono utili all’industria delle uova e non sono adatti alla produzione di carne, in quanto appartengono a razze a crescita lenta che non sono redditizie per i produttori.

“L’obiettivo di questo evento è quello di mobilitare le istituzioni europee per porre realmente fine alla macellazione dei pulcini. Fino a quando non verrà imposto un divieto a livello europeo, gli Stati membri potranno comunicare pubblicamente i divieti, come fa attualmente la Francia, pur continuando a consentire la macellazione dei pulcini altrove”, ha affermato Brigitte Gothière, co- fondatrice di L214, che ha aggiunto: “I cittadini europei chiedono divieti senza eccezioni per porre realmente fine a queste terribili pratiche”.

Lo scorso ottobre, la commissaria per la Salute e la sicurezza alimentare Stella Kyriakides ha annunciato che la Commissione europea presenterà una proposta per porre fine alla “preoccupante” pratica sistematica di uccidere i pulcini maschi in tutta l’UE. Tuttavia, coloro che sono contrari al divieto della pratica citano l’aumento dei prezzi e l’inflazione come ragioni per limitare i progressi fatti per gli animali, mentre nel febbraio 2022, durante la votazione sulla relazione di attuazione sul benessere degli animali negli allevamenti, il Parlamento europeo ha respinto un emendamento a favore del divieto di uccisione dei pulcini. 

Tra i Paesi che nell’Unione europea hanno già vietato questa pratica, c’è anche l’Italia. La scorsa estate il Parlamento italiano ha infatti vietato a larga maggioranza la macellazione di routine dei pulcini a seguito di un’intensa campagna condotta da Animal Equality.

“Il divieto di macellazione dei pulcini è stata una svolta storica in Italia che ora deve essere estesa a tutta l’Unione Europea. Gli animali sono esseri senzienti e non possono più essere considerati semplicemente dei rifiuti industriali. Le istituzioni europee devono impegnarsi nella nuova legislazione e sostenere la progressiva implementazione di tecnologie in grado di porre fine a questa crudele e sistematica macellazione” ha detto Matteo Cupi, Vicepresidente di Animal Equality Europa.

Animal Equality

Animal Equality è un’organizzazione internazionale che lavora con la società, i governi e le aziende per porre fine alla crudeltà verso gli animali d’allevamento. Animal Equality ha uffici negli Stati Uniti, nel Regno Unito, in Germania, Italia, Spagna, Messico, Brasile e India.

Ufficio Stampa Animal Equality Italia

Alice Dominese
Press Officer | aliced@animalequality.it | +39 351 7408293

 

 

Le informazioni contenute in questo messaggio di posta elettronica e in ogni eventuale documento allegato sono riservate, potrebbero essere coperte dal segreto professionale e possono essere utilizzate esclusivamente dal destinatario sopra indicato. Ogni divulgazione o copia di questo messaggio o dei suoi eventuali allegati non autorizzata, così come ogni uso o divulgazione delle informazioni negli stessi contenute, sono da considerarsi come vietate e potrebbero costituire violazione delle normative ivi applicabili. Se ricevete questo messaggio per errore Vi preghiamo di volerci avvertire immediatamente tramite posta elettronica o telefonicamente e di cancellare il presente messaggio e ogni documento ad esso allegato dal Vostro sistema. Vi informiamo che svolgiamo ogni attività finalizzata a proteggere la nostra rete da virus e non ci assumiamo alcuna responsabilità in ordine a possibili virus che possano essere trasferiti con la presente mail. Grazie.