Dal 10 al 12 settembre si è svolto a Napoli il Festival della Filosofia in Magna Grecia

 

Dal 10 al 12 settembre si è svolto a Napoli il Festival della Filosofia in Magna Grecia; l’evento è stato ospitato nel convento di San Domenico Maggiore, complesso duecentesco che per secoli fu importantissimo centro di studi teologici e filosofici. Le tre giornate di studio hanno preso spunto dall’opera di tre grandi pensatori legati a San Domenico Maggiore: nel 1239 San Tommaso D’Aquino ebbe qui la sua cella; a metà del Cinquecento vi studiò Giordano Bruno; nel 1592, accusato di avere un demone sotto un’unghia, fu processato a San Domenico il giovane Tommaso Campanella.
Patrocinato dal Comune di Napoli, il Festival ha avuto come principali destinatari i docenti della scuola. Il programma ha integrato perciò la proposta filosofica con stimoli e spunti didattici originali. Il dialogo filosofico sui temi della contemporaneità è stato animato dalle lezioni magistrali di Ilaria Gaspari, Mauro Bonazzi, Giovanni Morelli e Umberto Galimberti che hanno discusso di emozioni, scienza, tecnica, e della condizione umana.
 In foto: Umberto Galimberti (filosofo), Nino Daniele (filosofo), Ilaria Gaspari (filosofa), Giuseppina Russo (presidente del Festival), Annamaria Palmieri (assessora alla Cultura e all’Istruzione)

Gaspari, Bonazzi, Galimberti: a San Domenico la filosofia interroga il presente
http://multimediale.comune.napoli.it/index.php?n=9337

Il reportage è pubblicato con licenza creative commons e può essere perciò ripubblicato, citando la fonte.