De Magistris in Sicilia a Partanna per ricordare “ a picciridda di Borsellino” Rita Atria

 

 

“ Sono stato a Partanna, al cimitero sulla tomba di Rita Atria, giovanissima testimone di giustizia suicidatasi, trent’anni fa, pochi giorni dopo l’uccisione di Paolo Borsellino, il suo unico punto di riferimento, che la chiamava a picciridda, come ancora la chiama oggi la cognata Piera Aiello. Le emozioni sono forti qui nei volti, anche ad un bellissimo convegno finito ora con Piera, Giovanni Impastato, Nicola Clemenza e Mario Bruno Belsito. Sono anni, quelli del ‘92, che hanno segnato la vita di tanti. La mia sicura. Gli uomini e le donne passano ma restano le loro idee e la loro tensione morale. La spinta ideale non la perderò mai. Grazie Rita.” Lo scrive Luigi de Magistris al termine delle cerimonie in Sicilia in ricordo di Rita Atria