Gastronomia Arfè celebra i 150 anni di eccellenza in sicurezza

Napoli. La Gastronomia Arfè si appresta a celebrare in sicurezza i 150 anni domenica 4 ottobre, dalle ore 10 alle ore 22, in via Giacomo Piscicelli 37, angolo via G. Martucci, 2, presso la sua sede unica. 

Dodici ore dedicate agli appuntamenti,  en plein air, a numero chiuso – nel rispetto dell’ultima ordinanza regionale, n 75, anti-covid19 – che si susseguiranno, insieme agli amici stretti e ai clienti affezionati, dedicati ai ricordi dell’impresa di famiglia, legati alla storia di Napoli, della Campania, d’Italia, all’insegna del gusto sovrano, dell’eccellenza e della genuinità. Tratti distintivi da sempre della famosa ditta napoletana di alta qualità.

Nel cuore del quartiere chic di Chiaia, a pochi passi dalla Riviera e da piazza Amedeo, dove c’è il rinomato negozio, aperto negli anni 50 come sede aggiuntiva a quello storico di Vico Tiratoio, e oggi unico punto vendita, Antonio Arfè con la sua affiatata famiglia, parlerà del percorso aziendale dal 1870, ad oggi. 

I suoi 63 anni non li dimostra, energico è motivato da una evidente e comprovata passione per il gusto, è apprezzato e stimato a livello internazionale come chef di Cucina, rosticciere e pasticciere, altamente specializzato nelle pietanze classiche partenopee e in quelle gradevolmente innovative, a base di ingredienti squisitamente campani, Maestro di Cucina​ dell’​Associazione Professionale Cuochi Italiani.

La buona fama della sua storica Gastronomia si fonda soprattutto sulla rigida selezione dell’offerta: propone alla qualificata clientela esclusivamente prodotti alimentari di livello superiore, cibi cotti anche preparati al momento contraddistinti da freschezza e genuinità, nel pieno rispetto della salute. In particolare, le preparazioni vincono in leggerezza e la gustosità, anche grazie agli innovativi e appropriati metodi di cottura, che permettono un uso alquanto moderato dei grassi e allo stesso tempo mantengono intatte le proprietà nutritive, i sapori originari e pure i colori delle materie prime impiegate, tutte scelte con cura e consegnate quotidianamente dai fidati fornitori, e anche più volte al giorno per una freschezza assoluta.

In armonia, nella vita privata come nella ditta di famiglia quale co-gestore, insieme ad Antonio c’è la moglie Rosaria Troiano, operativa e instancabile, animata anche lei da grande passione e altamente competente in campo alimentare. 

Le figlie Barbara e Martina, agrotecniche, sono addette alla produzione e al confezionamento anche da esportazione (i prodotti Arfè sono conosciuti e apprezzati pure oltre confine). Barbara, erede dell’arte culinaria paterna è inoltre sous chef: i fortunati invitati, domenica avranno il piacere di degustare varie squisitezze e le irresistibili bontà salate e dolci, preparate insieme a papà Antonio. Silvana Rizzolo, fidata addetta alle relazioni con pubblico e fornitori, completa l’organico insieme a Carlos Rodriguez alle commissioni.

Tutti insieme, accoglieranno gli invitati, nell’occasione di questa importante ricorrenza, attesa e programmata da lungo tempo.

Ufficio Stampa e Comunicazione sono a cura della giornalista Teresa Lucianelli, specializzata in enofood ed eventi di settore e artistico-culturali, che coordinerà anche i servizi tv e fotografici e le interviste, definiti preventivamente con i colleghi in lista, anche quelli in sicurezza, per divulgare efficacemente il 150esimo compleanno della storica Gastronomia Arfè. Affinché resti davvero indimenticabile.

Così come indimenticabili i suoi prodotti, per chi li prova. L’azienda è molto apprezzata in Campania, dove vanta una clientela fiduciaria formata prevalentemente da una platea d’intenditori; come nelle altre regioni italiane e all’estero. Propone sia l’asporto che la degustazione in loco, di prodotti d’alta qualità, specialità e tipicità provenienti ogni giorno dai vari territori della Campania, selezionati con massima attenzione, piatti pronti e golosità dolciarie.

Le origini dell’attività (1870) partono dai Quartieri Spagnoli, con la vendita dei generi primari (legumi, salsa, oli e affini). 

Nel 1900, l’inaugurazione del primo negozio su strada, in vico Tiratoio 4: don Antonio Arfè e donna Teresina Mazziotti puntano già allora su ricercate specialità, prodotti caseari freschi e stagionati e salumi provenienti dalle province della Campania. Prelibatezze tuttora presenti nella sede unica aperta a Chiaia, in via Piscicelli nel ‘50: e rilevata prima delle nozze dal figlio Pasqualino, sopravvissuto alla prigionia tedesca. Insieme alla futura moglie, Rita Valente, arricchisce l’assortimento con pasta, scatolami, liquori e vini pregiati.

Nel 1972, Rita rimane vedova. Con impegno e dedizione dedicati alla memoria dell’amatissimo marito, s’impegna per continuare l’attività con grande energia, quella stessa che conserva tuttora e che conosce chiunque frequenti il punto vendita di Chiaia. Le sono accanto i figli: prima Carla e poi Antonio, che si forma e si specializza come cuoco, puntando sull’eccellenza del gusto partenopeo. Con lui la Gastronomia Arfè “sfonda” nel campo culinario, rispondendo così con squisiti piatti preparati in sede anche alle nuove richieste della qualificata clientela. Un grande passo, che segna la svolta di Arfè anche nel catering e banqueting.

Le pietanze della tradizione partenopea e regionale, i piatti gradevolmente innovativi e il gourmet, le specialità rosticciere, i variegati dolci squisiti e sani, a base d’ingredienti freschi e selezionati, arricchiti in maniera distintiva con frutta fresca, prelibati canditi, sublimi creme, preparati da Antonio Arfè, diventano man mano sempre più apprezzati e richiesti e la fama dello chef di Cucina/rosticciere/pasticciere cresce, quale autore delle gustose specialità napoletane e campane, protagoniste in tanti riusciti eventi di risonanza nazionale e internazionale, realizzati in tutta Italia e all’Estero con grande professionalità.

 ILEANA  MANDILE