Iin scena ‘Federico II noi’, lo spettacolo degli allievi del laboratorio teatrale ‘Lo Stupore del mondo’

 

 In scena ‘Federico II noi’, lo spettacolo degli allievi del laboratorio teatrale ‘Lo Stupore del mondo’ dell’Università degli Studi di Napoli Federico II presentato tra le iniziative per gli 800 anni dell’Ateneo lunedì scorso nell’ambito della Giornata dello Studente Federiciano.

L’appuntamento è DOMANI 7 giugno, alle 21, nel Complesso dei Santi Marcellino e Festo, a largo San Marcellino.

Il laboratorio per la formazione di nuove professionalità teatrali a cura di Rosaria De Cicco e Annamaria Russo, organizzato, nell’ambito delle attività di F2 Cultura, dall’Università Federico II e dal Teatro il Pozzo e il Pendolo è iniziato a gennaio e ha visto protagonisti i 21 allievi in attività di improvvisazione, recitazione, canto, espressione corporea.

Con il coordinamento musicale di Barbara Buonaiuto e su testi di Annamaria Russo scritti con gli stessi allievi, lo spettacolo si articolerà tra musica, movimenti scenici e canti, in una cornice scenografica anch’essa creata dagli allievi, per raccontare, in occasione degli ottocento anni dell’Ateneo, Federico Il.

Come sempre accade, nel mettere in scena una storia antica, ciascuno dei coinvolti ritrova frammenti della propria storia. Le dinamiche che accompagnano la costruzione dello spettacolo, lentamente ed inevitabilmente, si intrecciano con le dinamiche personali di ciascuno dei coinvolti.

Il verisimile diventa vero, il vero diventa verisimile e così l’eterno gioco della vita che diventa teatro e del teatro che diventa vita, si rinnova. E con esso si rinnova la magia.

Giorgia Aiello, Andrea Aulicino, Simona Ciaramella, Stefania De Pascale, Irene De Rosa, Giuseppe Ercolano, Francesco Gallucci, Luigi Giustiniani, Francesco Junior laccarino, Ilaria Lanzetti, Roberta Lanzillo, Chiara Malvano, Luca Moscatelli, Marta Nasti, Benedetta Nastri, Victoria Pastore, Benedetta Romano, Roselyn Schettini, Cristiano Scotto di Galletta, Simone Trapanese e Francesco Vigni sono gli allievi del Laboratorio teatrale Federiciano ‘Lo Stupore del mondo’.