Il Vicesindaco con delega ai Cimiteri, Enrico Panini: “Approvate le regole per l’utilizzo delle edicole e delle cappelle funerarie in subconcessione”

Il Vicesindaco con delega ai Cimiteri, Enrico Panini: “Approvate le regole per l’utilizzo delle edicole e delle cappelle funerarie in subconcessione

La Giunta de Magistris ha approvato un’importante delibera a firma del Vicesindaco con delega ai Cimiteri Cittadini, Enrico Panini, che detta  le Linee Guida sulle subconcessioni di suoli, di cappelle, di edicole e monumenti funebri.

Con l’approvazione di queste Linee Guida, l’Amministrazione raggiunge un risultato molto positivo in termini di legalità – ha dichiarato Panini – In primo luogo viene risolto l’annoso problema della compravendita, totalmente fuorilegge, delle edicole e delle cappelle funerarie tra privati procedendo con l’adeguamento alla normativa nazionale che inibisce la vendita di tali manufatti in quanto beni demanialiIl nuovo strumento assicura un’equa regolarizzazione dell’utilizzo delle cappelle funerarie in subconcessione mettendo a sistema un settore tanto delicato, non soltanto per i suoi risvolti giuridici, ma anche per le sue implicazioni etico-religiose, discostandosi da quelle incongruenze che per anni hanno distorto ed “inquinato” il culto dei morti“.

La regolamentazione interessa tutti i cittadini che hanno richiesto la subconcessione dei beni o che possono attestare che la compravendita o la successione ereditaria delle cappelle funerarie sia avvenuta entro la soglia temporale del 13 marzo 2007. Gli importi da versare verranno calcolati considerando i 4/5 del diritto di superficie del suolo del bene valutato secondo la tariffa vigente al rilascio della concessione. Tutta la procedura per il rilascio delle subconcessioni sarà seguita dal Servizio Gestione Cimiteri Cittadini. Al fine di agevolare i cittadini che hanno difficoltà a pagare in un’unica soluzione, il Comune di Napoli consentirà di accedere ad un equo rateizzo delle somme da corrispondere per la regolarizzazione della subconcessione, coniugando le esigenze di legalità con la buona amministrazione.