La festa della parola. Le fiabe di Giovan Battista Basile Presentazione del libro di Antonella Silvestrini, con Federica Flocco e Marino Niola Napoli, Libreria IoCiSto, giovedì 4 aprile 2024, ore 18

 

COMUNICATO STAMP

La festa della parola. Le fiabe di Giovan Battista Basile

Presentazione del libro di Antonella Silvestrini, con Federica Flocco e Marino Niola

Napoli, Libreria IoCiSto, giovedì 4 aprile 2024, ore 18

Giovedì 4 aprile 2024 alle 18, nella Libreria IoCiSto in via Cimarosa 20 – piazzetta Aldo Masullo,
verrà presentato il libro di Antonella Silvestrini “La festa della parola. Le fiabe di Giovan Battista
Basile” (Edizioni ETS). Converseranno con l’autrice Federica Flocco, scrittrice e giornalista e il prof.
Marino Niola, antropologo e scrittore.
Attratta dall’ironia, dall’umorismo e dall’irriverenza di un testo che straborda di colori, di giochi e
di invenzioni linguistiche a ogni rigo, Antonella Silvestrini ci offre la sua lettura di cinque fiabe
tratte da “Lo cunto de li cunti”, conosciuto anche come il “Pentamerone”, capolavoro postumo di
Giovan Battista Basile (1566-1632), letterato di corte e scrittore campano, scritto in una lingua
napoletana che celebra la vita nella sua anomalia, nei suoi paradossi, nelle sue contraddizioni e
nelle sue pieghe inedite. L’autrice percorre le fiabe di Basile – L’ignorante, I due fratelli, La foresta
di agli, Il catenaccio e L’orsa – restituendone il valore e la modernità.
Con la sua brillante analisi linguistica dei “cunti”, Antonella Silvestrini mette in rilievo le trovate e
le invenzioni di Basile che sfatano gli stereotipi della sua e anche della nostra epoca: la famiglia
obbligante, il timore della vecchiaia, la paura della fine del tempo, la credenza nel destino
assegnato e l’invidia sociale. Ne risulta una lettura che ci sorprende a ogni svolta della pagina, ricca
di indicazioni per l’avvenire.
“Constatare che l’itinerario è costituito di acquisizioni e non di tappe”, scrive l’autrice, “solleva dal
collocarsi in un viaggio ideale e dall’immaginarsi sempre in anticipo o in ritardo rispetto alla meta
ideale o alle aspettative sociali, insoddisfatti e rammaricati, con la testa rivolta all’indietro”.
Antonella Silvestrini vive e lavora a Pordenone. Si occupa di psicanalisi e cifrematica, tiene
conferenze e corsi di formazione. È presidente dell’associazione la cifra, organizza dibattiti
culturali ed eventi artistici. È uno dei curatori del festival Piano City Pordenone. Ha pubblicato
articoli e saggi nelle riviste e negli atti dei congressi della casa editrice Spirali.
Federica Flocco, giornalista, scrittrice.
Marino Niola insegna Antropologia dei Simboli e Antropologia della contemporaneità
nell’Università degli Studi Suor Orsola Benincasa di Napoli. È editorialista de “la Repubblica”. Sul
“Venerdì” di “Repubblica” cura la rubrica “Miti d’oggi”. Autore di numerosi libri e saggi, il più
recente dei quali è Mangiare come Dio comanda (con Elisabetta Moro, Einaudi 2023).
Per informazioni telefonare al n. 0815780421, o scrivere a iocistolibreria@gmail.com.