MARADONA IN FESTA : JACK COLPISCE ANCORA

Il Napoli cala sul tavolo verde del Maradona il Jack vincente che sconfigge la donna bianco nera Jack Raspad’oro è per tutti la bestia nera della vecchia signora. Così come è successo nell’aprile scorso a Torino è  stato Giacomino “ Casanova “ Raspad’oro per gli amici Jack a decidere la sfida contro l’odiata vecchia signora all’ultimo istante proprio all’87’ così è successo nel tempio di Maradona Dios del calcio che ha vegliato sugli azzurri spingendoli con tutta la torcida azzurra alla vittoria tanto sofferta quanto bellissima contro l’odiata squadra bianco nera.   Stavolta però finalmente una volta tanto la fortuna non aiuta la Juve ma il Napoli di Calzona . La squadra azzurra è fortunata perlomeno per ben 6 volte Si vince ma non si convince ancora Le scelte iniziali di Calzona appaiano alquanto discutibili Inserire Juan Jesus , impresentabile , e Oliveira il peggiore in campo fanno capire che il mister di Vibo Valentia le idee sono ancora confuse  La squadra appare slargata nei primi 25-30 minuti dove a pagarne le spese è sempre Lobotika In difesa non si vede il miglior Di Lorenzo , Rhamani si lascia scappare parecchie volte Vlahovic , Juan Jesus è impresentabile e Oliveira è da film horror la sua prestazione Pessimo in fase offensiva dove non dà nessun supporto a Kvara ancora di più in fase difensiva dove si lascia scappare Iling più volte Si accentra quando non dovrebbe fa errori su errori. A centrocampo Lobotka è affetto da Jorginhite acuta mentre Anguissa vaga in mezzo al campo a cercare fortune personali Traorè entra tardi in partita ma nel secondo tempo è uno dei migliori La fase offensiva Vede un Politano confusionario e poco concentrato in fase offensiva La fascia sinistra fortunatamente ha un fenomeno che si chiama Kvara che ha dichiarato amore al Napoli dopo il goal e che ha giocato come un indiavolato Il terminale offensivo del Napoli però stavolta ha fatto cilecca . Osimhen ha giocato male e ha sbagliato l’ennesimo rigore . Tuttavia la fortuna questa volta ha aiutato l’azzurro finalmente

La cronaca

2′  Che brivido per il Napoli! Da un errore in controllo di Olivera nasce l’azione della Juve con Iling Jr che pesca Alcaraz in area: l’argentino non riesce a girare verso la porta. Il Napoli reagisce subito Gli azzurri vanno velocissimi in contropiede: Politano premia la sovrapposizione di Di Lorenzo che crossa forte in mezzo trovando l’opposizione di Szczesny.10’ Altra palla sanguinosa persa da Olivera, ne approfitta Alcaraz che serve Vlahovic solo in mezzo: il serbo schiaccia di testa sfiorando il palo, con Meret fuori causa. 12′ – Spunto sulla sinistra di Chiesa che sfila via a Di Lorenzo ma poi viene accompagnato sul fondo dalla chiusura attenta di Lobotka  Il Napoli controbatte tuttavia le avanzate juventine . Cross in mezzo di Politano, Traoré colpisce in maniera del tutto scoordinata servendo involontariamente Di Lorenzo a centro area. Il capitano azzurro conclude al volo ma col corpo all’indietro e manda alto sopra la traversa.31’ Cambiaso crossa dalla destra, Chiesa prolunga di testa per la volée di Iling -Junior che si spegne di poco vicino al palo.  Miretti imbuca per lo scatto di Vlahovic alle spalle dei due centrali: il serbo supera Meret col tocco morbido ma il suo tiro sbatte sul palo. Il Napoli appare slargato poco compatto Si rivede Anguissa che vaga in campo e Traorè che gioca da sotto punta ma il suo apporto è confusionario Talvolta fornisce assist poco comprensibili. Ma alla fine il Napoli c’è anche se è fortunato in più volte . Coast to coast del georgiano che punta la difesa se la sposta sul mancino e dopo 70 metri di corsa conclude, costringendo Szczesny a sporcarsi i guantoni. Cross morbido di Di Lorenzo a trovare Olivera sul secondo palo: il suo colpo di testa viene respinto da Alex Sandro.Al 43’ Cross dalla destra di Di Lorenzo, Bremer respinge di testa e Kvaratskhelia si coordina al volo in un istante beffando Szczesny sul primo palo. Kvaraggio colpisce ancora . Al 45’ Il Napoli rischia per colpa di Meret Mai va dato il pallone al centrocampista che ha le spalle rivolta alla porta avversaria , tuttavia Traoré si addormenta davanti la propria area regalando la palla a Vlahovic, che davanti a Meret mette clamorosamente fuori Nel secondo tempo il Napoli tira i remi in barca e la Juve Chiesa sfila a Politano e la mette in mezzo per Alcaraz che viene contrastato, sulla ribattuta viene servito Cambiaso solo in area che col destro spara altissimo. 57′ – Cambiaso, già ammonito, strattona vistosamente Kvaratskhelia dopo essere stato dribblato. Per il direttore di gara Mariani non c’è neanche fallo. La partita viaggia sui i binari dell’incertezza 82′  Pareggia la Juventus. Chiesa riceve sull’out di destra, punta la difesa e con un radente preciso a incrociare infila Meret. 85′  Osimhen finisce a terra in area avversaria, il Napoli chiede a gran voce il calcio di rigore. L’arbitro lascia proseguire. 86′  L’arbitro Mariani richiamato all’On Field Review decide che è calcio di rigore per il Napoli. Osimhen si fa parare il rigore ma sulla respinta si avventa Raspadori che deposita in rete 92′ si salva il Napoli Da corner Juan Jesus si immola sul tiro di Milik. Sulla respinta Yildiz serve Rugani che da due passi calcia alto. Finisce con il Napoli in trionfo anche la fortuna finalmente ci ha aiutato.

 

Alex Meret 6 Bravo su un tiro rasoterra di Vlahovic Fortu8nato sul palo sempre colpito da Vlaovic Errato passare il pallone a Traorè che è rivolto con le spalle alla porta avversaria ed è marcato. Sul goal di Chiesa è posizionato male Errato non coprire il palo scoperto Buona uscita di pugno nel finale di partita .

Giovanni Di Lorenzo 5,5 Sembra essere la brutta copia del capitano osservato l’anno scorso Poca fase offensiva e male fase difensiva Sbaglia un tiro nell’area bianconera che avrebbe portato già in vantaggio il Napoli.

Juan Jesus 6:  Partita di sostanza

Amir Rrhamani 6,5: In difficoltà su Vlahovic e Chiesa Si lascia superare facilmente . Ma alla fine regge bene

(dal 65′ Leo Ostigard sv)

Mathias Olivera 4,5: Indecorosa la sua prestazione In fase difensiva sembra essere l’attaccante aggiunto dei bianco neri Due errori che potevano essere letali per il Napoli Si accentra inutilmente e lascia scoperta la sua fascia Nel secondo tempo peggiora la prestazione Dalla sua parte arriva il goal di Chiesa Male la fase difensiva nulla quella offensiva.

André Zambo Anguissa 6,0: Alterna fasi d’ordine tattico a fasi d’anarchia totale In questa fase i centrocampisti della Juve s’inseriscono e  tentano di far male il Napoli . Sfiora il gol ma Szczesny lo anticipa prima che possa fare il tap-in vincente.

Stanislas Lobotka 6,0: Recupera numerosi palloni e pur in difficoltà tenta di smistare più palloni possibili Ma li smista indietro ed orizzontalmente anche perché pressato dai centrocampisti della Juve.

Hamed Traoré 4,5: Primi minuti horror per il l’Harnold azzurro Dovrebbe giocare dietro Osimhen ma è così anarchico che non riesce a fare né la fase difensiva né la fase offensiva Sta per combinare una frittata in combinata su Meret perdendo un pallone letale al limite dell’area napoletana

 Matteo Politano 6  Sufficiente prestazione del Matteo napoletano Sia in fase offensiva sia in quella difensiva dove deve rincorrere il veloce Chiiesa Non ha quasi sempre l’apporto di Di Lorenzo e si ostina a dare il pallone in profondità con un no look ad Osimhen anche quando il nigeriano, in ombra , non detta mai il passaggio

(dal 65′ Giacomo Raspadori 8: Come all’ Allian stadium l’aprile scorso entra in campo dalla panchina e segna contro la vecchia signora Si lancia come una freccia sul pallone respinto da   Szczesny salvando Osimhen dall’ennesima figuraccia dal dischetto E’ il jack vincente che il Napoli cala contro la vecchia signora )

(dal 65′ Piotr Zielinski  sv Niente di particolare Non ha l’animo del combattente e passeggia in campo  )

Kvicha Kvaratskhelia 8,5: E’ menomale, per gli atri che non è il Kvara dell’anno scorso se no sarebbero …per le altre avversarie Praticamente gioca da solo sulla sua fascia e fa sfracelli facendo impazzire Cambiasso. Lo fa ammonire una prima volta poi subisce un altro fallo che dovrebbe essere fischiato da Mariani Ma l’arbitro indegnamente fa finta di non vedere per non ammonire il bainco nero per la seconda volta ed espellerlo Sarebbe stato laesa maestà per la Juve Poi con un bel tito al fulmin cotone insacca nell’angolino di destra portando il Napoli in vantaggio e dichiarando amore , almeno per un anno, al Napoli. Fenomenale !

 (dal 93′ Jesper Lindstrom sv)

Victor Osimhen 4,5: Instaura una lotta greco romana con Bremer Si procura il rigore ma lo sbaglia , per fortuna Raspadori segna e permette al Napoli di Calzona di vincere il big macht contro la Juve. Dovrebbe offrire minimo una cena a Giacomino Casanova Raspadori

Allenatore Francesco Calzona 6,5 : Di buono c’è la vittoria Per il resto si rivede una squadra slargata e allungata Non si capisce perché fare giocare Oliveira ed insistere su Zielinski. La fortuna aiuta gli audaci e lui lo è stato molto contro lqa vecchia signora.

NAPOLI (4-3-3): Meret; Di Lorenzo, Rrahmani (20′ st Ostigard), Juan Jesus, Olivera; Anguissa, Lobotka, Traoré (20′ st Zielinski); Politano (20′ st Raspadori), Osimhen, Kvaratskhelia (45’+3 st Lindstrom). All: Calzona

JUVENTUS (3-5-2): Szczesny; Rugani, Bremer, Alex Sandro; Cambiaso (21′ st Weah), Miretti (31′ st Nonge (45′ st Danilo)), Locatelli, Alcaraz (45′ st Milik), Iling Jr (31′ st Yildiz); Chiesa, Vlahovic. All: Allegri

Arbitro: Mariani

Marcatori: 43′ Kvaratskhelia (N), 36′ st Chiesa (J), 43′ st Raspadori (N)

Ammoniti: Vlahovic (J), Bremer (J), Cambiaso (J), Traoré (N), Nonge (J)

Pasquale Spera