Martedì 05 Gennaio ore 19:00 in diretta sulla pagina facebook del Bistrot @Lazzarelle una serata a sostegno del Progetto “Lazzarelle” e del lavoro artistico di Lila Esposito

������������������ �������������������� – ������ �������� ���������������� ����

Martedì 05 Gennaio ore 19:00 in diretta sulla pagina facebook del Bistrot @Lazzarelle una serata a sostegno del Progetto “Lazzarelle” e del lavoro artistico di Lila Esposito

�� ���������������� ��

Per partecipare è richiesta una donazione che dà diritto a una o più cartelle, a partire da 10 euro a cartella.

Per acquistare le cartelle vai sul sito alla pagina
https://caffelazzarelle.jimdofree.com/tombola-scostumata/
O Scrivi una mail a bistrot@caffelazzarelle.org

�� ���������� ��

I prodotti delle produzioni carcerarie, delle cooperative che lavorano sui beni confiscati alle mafie, e del circuito delle piccole produzioni locali che lavorano sulla sostenibilità e l’eticità

⭐ �������� ���������������� – ��������������, �������� ��������, ���������������� ⭐

Progetto artistico indipendente che vive online e in spazi non convenzionali, per favorire una diversa e più inclusiva socialità, tramite l’unione delle tematiche di genere con la cultura napoletana. Con la pandemia, il lavoro artistico indipendente “sommerso” di Lila Esposito, come quello di molt@ altr@ artist@ non è stato sostenuto da fondi pubblici, non rendendo possibile l’accesso alle misure di sostegno messe a disposizione dal governo
➡ visita la pagina:
https://www.facebook.com/lila.esposito.589/videos

�� ���� ���������������� “��������������������” ��

Un bistrot nel cuore di Napoli dove gustare e acquistare tutti i prodotti delle economie carcerarie. In numerose carceri italiane sono nati laboratori artigianali e creativi nei quali si realizzano: biscotti, dolci, caffè, formaggi, cioccolato, frutta secca, candita, ricoperta di cioccolato, taralli, ma anche t-shirt, borse con materiale riciclato, gioielli, mobili, cosmetici. Prodotti belli, buoni, etici, ecologici che offrono a chi li realizza, soddisfazione, autostima, fiducia, opportunità di riscatto. Questi progetti si fanno portavoce di un importante bisogno: quello di ripensare il carcere da sistema punitivo a luogo di reinserimento sociale
➡ Visita il sito: www.caffelazzarelle.org