Museo storico archeologico di Nola Angelo Napolitano (1911-1985) Artista e Architetto a Nola La collezione di Virginia e Clemente Napolitan

 

Museo storico archeologico di Nola

Angelo Napolitano (1911-1985) Artista e Architetto a Nola

La collezione di Virginia e Clemente Napolitano

 

18 giugno > 15 settembre 2022

Inaugurazione

Sabato 18 giugno 2022, ore 18.00

Sabato 18 giugno 2022 alle 18.00 al Museo storico archeologico di Nola sarà inaugurata la mostra Angelo Napolitano (1911-1985) Artista e Architetto a Nola. La collezione di Virginia e Clemente Napolitanoorganizzata dalla Direzione regionale Musei Campania con il Museo storico archeologico di Nola insieme alla famiglia dell’artista, in collaborazione con l’Associazione MUSA e la Pro Loco città di Nola. L’evento è inserito nel programma delle manifestazioni del Giugno Nolano 2022 del Comune di Nola.

L’esposizione, a cura di Maria Rosaria Nappi che cura anche il catalogo edito da Arti Grafiche Scala, offrirà una panoramica della produzione multiforme di Napolitano che attraversa i decenni centrali del secolo scorso, dagli anni Trenta agli anni Ottanta, svelando le diverse sfaccettature della personalità dell’architetto e dei suoi stretti rapporti con la città di Nola, dove ha sempre vissuto.

Saranno esposti opere ed elaborati in diversi settori: dalle note vedute in bianco e nero del centro storico di Nola, ai dipinti, ai progetti e fotografie dei Gigli nolani, ai manufatti ceramici, alle produ- zioni legate alla comunicazione pubblicitaria e altro ancora. Una vasta sezione sarà inoltre dedicata ai numerosi progetti architettonici realizzati a Nola e nei centri circostanti. La mostra mette in luce un contesto cittadino partecipe della vitalità che negli anni del dopoguerra attraversava il Mezzo- giorno e la città di Nola. Derivato da questo vivace ambiente cittadino è il primo saggio sull’iniziativa imprenditoriale della fabbrica Ceramica Artistica Nolana che Napolitano fondò negli anni Cinquanta. Come responsabile tecnico della manifattura l’architetto designò il giovane ceramista Guido Infante di cui alcuni pezzi, esposti nella sala adiacente, dialogano con quelli della mostra.

Inoltre, saranno esposte per la prima volta alcune composizioni inedite ritrovate in occasione delle ricerche per l’esposizione, che offriranno una nuova visione dell’attività dell’artista.

Al termine della mostra gli eredi di Angelo Napolitano doneranno al Museo un’opera tra quelle esposte in mostra.

In occasione dell’inaugurazione, gli allievi del Liceo Scientifico e Linguistico Albertini, con indi- rizzo musicale, di Nola eseguiranno un intermezzo musicale.

La mostra al Museo storico archeologico di Nola sarà visitabile gratuitamente fino al prossimo 15 settembre.