PRESENTAZIONE A PALAZZO SAN GIACOMO DELL’EVENTO ” NAPOLI CREA “

 

IL giorno 2 aprile 2024 presso la Sala della Giunta di Palazzo San Giacomo, sede del Comune di Napoli, è stata presentata alla stampa la giornata di confronto e dibattito “Napoli crea – Il Made in Italy tra tradizione e contemporaneità” che si svolgerà a Napoli il 15 aprile 2024 presso Villa Doria D’Angri a partire dalle ore 10:30.

A presentare l’iniziativa, moderati da Carmen Credendino Caporedattrice Agenzia DIRE e sotto lo sguardo vigile del Direttore Giornalista Lorenzo Crea , vi erano: Armida Filippelli Assessore alla Formazione Regione Campania, Chiara Marciani Assessore al Lavoro ed alle Politiche Giovanili Comune di Napoli, Giancarlo Maresca Presidente Le mani di Napoli, Damiano Annunziato Vicepresidente Le mani di Napoli, Vincenzo Capuano Presidente Le botteghe di San Gregorio Armeno, Pasquale Della Pia Consigliere Assocalzaturifici e componente sez. Moda Unione Industriali, Valter Luca De Bartolomeis Dirigente Scolastico dell’Istituto di Istruzione Superiore di Secondo Grado Statale “Caselli – Real Fabbrica di Capodimonte” e Direttore ITS Made Academy.

L’artigianato costituisce il 15% del Prodotto Interno Lordo ed è sancito dalla Costituzione Italiana all’articolo 45 che recita: “La legge provvede alla tutela ed allo sviluppo dell’artigianato”. Come si evince, dal citato articolo, l’artigianato si trova in bilico tra tradizione ed innovazione e la legge ne deve garantire la sussistenza e per far sì che ciò si realizzi occorre che la politica e le realtà produttive si incontrino e e si confrontino.

Un’occasione di incontro e confronto avverrà proprio il 15 aprile a Villa Doria D’Angri in cui verranno affrontati i temi che vanno dal ruolo dell’artigianato oggi come opportunità di lavoro alla formazione, dall’internazionalizzazione alle potenzialità offerte dall’innovazione e dalle nuove tecnologie, dal cuneo fiscale alla creazione di albi di mestiere, dell’istituzione di un tavolo permanente dell’artigianato al lavoro da svolgere in vista di una nuova Direttiva sulle Indicazioni Geografiche non alimentari, che potranno essere iscritte nel Registro  Internazionale della proprietà intellettuale dal 2025.
Il 15 aprile si celebrerà, in questo modo, anche a Napoli “La giornata internazionale del Made in Italy” un’occasione per legare l’evento all’artigianato locale rinomato per l’estrema qualità dei suoi prodotti nell’ ambito della sartoria, delle calzature, dell’arte orafa, della ceramica di Capodimonte, dell’arte presepiale di San Gregorio Armeno eccetera.
Scopo del confronto sarà anche rimarcare una immagine della realtà produttiva di Napoli di pregio, affidabile e di buon gusto in tutte le sue sfaccettature.
Sara Buccaro