Sabato 23 domenica 24 luglio ore 21,00 Real Orto botanico di Napoli (Via Foria 223)   CIRCE con ROSALBA DI GIROLAMO   LORENZO SARCINELLI

 

 

Sabato 23 domenica 24 luglio ore 21,00

Real Orto botanico di Napoli

(Via Foria 223)

 

CIRCE

con

ROSALBA DI GIROLAMO   LORENZO SARCINELLI

Dal romanzo Circe di Madeline Miller

Adattamento di Rosalba di Girolamo ed Annamaria Russo

Costumi

Rosa Ferrara

Regia

ANNAMARIA RUSSO

Sabato 23 e domenica 24 luglio ore 21.00 per la rassegna Brividi d’estate va in scena, in prima assoluta, Circe con Rosalba Di Girolamo e Lorenzo Sarcinelli dal romanzo Circe di Madeline Miller adattamento di Rosalba di Girolamo ed Annamaria Russo che firma anche la regia. I costumi sono di Rosa Ferrara.

Chi è Circe? Circe è una figura mitologica, una ninfa, una maga, una creatura capace di trasformare gli uomini in porci, l’ennesimo ostacolo che si frappone tra Ulisse e il suo ritorno a Itaca, un’ammaliatrice, una dea, un essere diabolico. Circe è semplicemente una donna.  Vista con gli occhi degli uomini.

Ho portata la mia Circe sempre con me. – così la protagonista Rosalba Di Girolamo – Ho ripetuto le sue parole per strada, con gli auricolari fingendo di telefonare, facendo faccende a casa, in ospedale o guidando. Guidata da Annamaria Russo, abbiamo smussato, talvolta rimosso, quella scorza di solennità cui il personaggio e il timore reverenziale verso il mito porta. Abbiamo cercato l’eleganza dell’imperfezione in ogni gesto e in ogni parola. Abbiamo cercato i suoi tanti volti e le sue tante voci, perché a me è stato dato l’onere e l’onore di incarnare tutti i personaggi femminili raccontati, come a Lorenzo quello tutti quelli maschili.

A Madeline Miller va il merito di aver colto le mille sfumature di uno dei personaggi più noti e meno conosciuti della cultura classica, liberandolo dalle ombre cupe che, secoli di misoginia, le avevano gettato addosso. La figura che emerge è quella di una donna fragile ed indistruttibile, che affronta mostri, dei, sentimenti con la stessa paura coraggiosa di chi sa che, il più delle volte, non si combatte per vincere, ma per sopravvivere.  Una donna capace di piegare la realtà ai propri desideri, e considerata per questo una maga. Una donna che supera lo strazio della violenza, il dolore dell’abbandono, l’assedio di una maternità solitaria, il fuoco della gelosia, la paura dell’amore, con le spalle gravate dal fardello insostenibile di un’immortalità che la condanna alla solitudine eterna. La Circe che scivola fuori dalle pagine di Madeline Miller è una creatura con una potenza scenica dirompente. Un personaggio che trasforma le parole in sangue, sudore e carne.  Un’eroina senza tempo che reclama di essere ascoltata.  Noi l’abbiamo fatto.  E le sue parole hanno indicato la strada: il suo volto, che riflette i mille volti della femminilità, i suoi amori, che sono la replica infinita di un unico grande amore, ci hanno suggerito la scelta di due soli personaggi, cui tocca l’onere e l’onore di restituire la complessità dei sentimenti.  La sua storia, che attraversa i secoli raccontando la storia di ogni donna nei secoli dei secoli, ha indicato la via,  sussurrato i colori, gli accenti e le sonorità da ricreare in scena.  E per finire la dolente umanità che trasuda dalla sua divina immortalità svela l’irripetibile magia che solo la verità può regalare alla finzione.

Mettere in scena un libro, che ha l’epicità e le dimensioni di una grande epopea classica, con due soli personaggi potrebbe sembrare un azzardo – dichiara Annamaria Russo, regista dello spettacolo –  ma ci è sembrata l’unica strada percorribile per restituire il senso di un’individualità declinata nelle innumerevoli diversità che la compongono e ne caratterizzano l’unicità. Due personaggi, dunque, ed uno specchio. Uno specchio che moltiplica, confonde, definisce, svela.  Uno specchio: quello magico delle favole d’ogni tempo, quello impietoso della quotidianità pesante. Uno specchio per non dimenticare che, tra ciò che appare e ciò che è, c’è sempre un’immagine che della realtà è solo il riflesso.

Posto unico € 16.00

Per info:0815422088- 3473607913 – 3474287910

Rosalba Di Girolamo

Lavora in ambito teatrale dal 1998 come attrice, regista, autrice e formatrice; ha studiato le tecniche del teatro dell’Oppresso con Augusto Boal e Rui Frati e diretto laboratori teatrali con bambini e ragazzi, in particolare con bisogni speciali. Dal 2006 al 2010 è stata responsabile per la Regione Campania del progetto I Teatri della Legalità che ha coinvolto tutte le scuole di primo e secondo grado della Regione Campania. Si è formata nella Compagnia Krypton di Giancarlo Cauteruccio, diplomata in recitazione teatrale presso la scuola del Teatro della Limonaia e in recitazione cinematografica presso la scuola Immagina di Giuseppe Ferlito; ha studiato drammaturgia con Ugo Chiti, canto con Francesca della Monica, teatro musicale con Agustì Humet, scenografia con Juan Guillen; si è formata con Pippo Delbono e nel Workcenter di Grotowski. Tornata a vivere a Napoli nel 2002 ha lavorato tra gli altri con Renato Carpentieri, Maurizio De Giovanni, Peppe Lanzetta. Ha scritto, diretto e interpretato Trattamento di fine rapporto-dedicato alla sicurezza sul lavoro (premio Girulà 2009), Nuda-omaggio a Marilyn Monroe-una riflessione intorno al corpo della donna (2012), Hyele-o dell’usurpazione di Zeus (2017), Acqua-viaggio nell’ Horcynus Orca (2017), Itaca-richiamo mediterraneo (2021). A cinema è stata diretta tra gli altri da Antonio Capuano, Terry Gilliam e Marco Tullio Giordana