Venerdi 27 settembre Annavera Viva incontra il pubblico alla Pinacoteca Patiniana di Castel di Sangro per parlare de “La Cattiva Stella”

Venerdi 27 settembre Annavera Viva incontra il pubblico

alla Pinacoteca Patiniana di Castel di Sangro per parlare de “La Cattiva Stella”

 

 

Dialogano con l’autrice, la direttrice del Museo Cinzia Mattamira, la dottoressa Annamaria Pelle e il saggista Andrea Del Castello

 

Pinacoteca Patiniana, ore 17.30, Via Leone 4, Castel di Sangro, Aq

 

E’ un appuntamento speciale il 27 settembre alle ore 17.30, perché Annavera Viva presenterà il suo ultimo giallo “La Cattiva Stella” (Homo Scrivens Edizioni), in un luogo dedicato all’arte, che sebbene sembri lontano dal mondo narrato nel romanzo, in realtà non è così distante, vuoi perché le bellezze di Napoli in particolare del Rione Sanità dove è ambientato il libro, sono sempre sottolineate, e vuoi perché la parte colta dei personaggi, come Padre Raffaele non fanno che esaltare la cultura, sia quella dei beni culturali che della musica lirica, per la quale è appassionato.

Per parlarne in questo luogo un parterre d’eccezione dialogherà con Annavera Viva, in primis, Cinzia Mattanira direttrice del museo, per poi passare la parola alla dottoressa Annamaria Pelle e al saggista Andrea Del Castello.

 

Il terzo romanzo di Annavera Viva, “La Cattiva Stella”, dopo “Questioni di Sangue” e “Chimere”, risulta a più voci foriero di spunti di vita, sociali e di costume- “Nei vicoli di una Napoli ammantata di mistero, tra fede e superstizione– e affronta nuovi avvenimenti intrisi di ambiguità, sangue e segreti, nel contesto popolare del Rione Sanità, dove don Peppino e Padre Raffaele, vivono le loro vite in un mondo oscuro popolato da cartomanti, maghi e astrologi, interpellati in modo trasversale da persone di tutti i ceti sociali. Qui Concetta Mele alias Consuelo de la Fuente manovra abilmente, con i suoi tarocchi, il destino di chi le si affida. L’arte della cartomanzia, che usa cinicamente, la metterà al centro di passioni che sfoceranno nel sangue. Padre Raffaele chiamato a indagare dal sospetto che la soluzione trovata dagli inquirenti non sia fedele alla verità, scoprirà che tutto un mondo parallelo di maghi, cartomanti e astrologi si annida nel suo quartiere. Annavera Viva nell’avvincente giallo, racconta ogni passo come scene di un film, che il lettore vede nitide. Tutto poi appare ancora più interessante considerando che la scrittrice è salentina, ovvero una napoletana di adozione, entrata profondamente nell’humus cittadino.

Annalisa Tirrito, Ufficio stampa 335.5289607, tirrito.annalisa@gmail.com